Formazione

Formazione

Perché i luoghi -non necessariamente fisici- hanno una loro energia: quella condivisa di un gruppo che alimenta e si forma in modo sincrono rispetto alle materie che andremo a trattare.

Perché l’accademia si ispira a principi specifici: fare oggi il trainer non significa solo acquisire tecniche di counseling, conoscenze e competenze specifiche. Significa soprattutto scegliere un percorso in un contesto specifico, fatto di professionalità e di competenza.

Com’è strutturato il percorso per formarsi come Trainer della Consapevolezza™?

Crescita Personale

Quest’area costituisce la base del modello olistico del Trainer della Consapevolezza™ e permette allo studente di avere una soddisfacente panoramica dell’ambito olistico e un’esperienza di sé a più livelli. Ha pertanto una finalità esperienziale e non formativa e prende in considerazione: corpo, emozioni, mente e energia.

Ascoltare e sciogliere il corpo

Massaggio e Auto-massaggio

Il massaggio è uno dei metodi più immediati per connetterci maggiormente con noi stessi. Consente di diventare consapevoli che possiamo usare il nostro corpo come una risorsa, in grado di segnalarci ciò che necessità della nostra attenzione. In questo modo, il corpo diventa un potente alleato, in grado di sviluppare maggiore presenza e attenzione. L’applicazione di una pressione nei vari punti del corpo, aiuta a far emergere eventuali disagi fisici, nascosti sotto la pelle sotto forma di piccoli traumatismi.

Danza

Oltre al cibo che lo nutre, il corpo ha anche bisogno di movimento.  La danza non servirà a farti diventare una ballerina, ma solo a ritrovare l’armonia dei movimenti, aprire la gabbia dove ti senti costretta, liberare le emozioni, siano esse gioie o dolori e sentirti più fluida e sciolta. Grazie al movimento,  piccoli o grandi dolori, di cui non eri assolutamente consapevole, verranno in superficie, potresti sentirti magari a disagio a muoverti in presenza di altre persone o scoordinata nei movimenti e impacciata, ma scoprirai anche come sia piacevole sentire emergere dal movimento quei dolori, perché ti fanno sentire più connessa e presente. Imparerai a muoverti non su comando della mente, ma su indicazione del tuo corpo.

Alimentazione intuitiva

Anche l’uso attento dell’alimentazione, è un metodo di ascolto di sè stessi e delle necessità del proprio corpo. In particolare, l’alimentazione intuitiva è una forma di ascolto autentico e non condizionato da filosofie, scuole di pensiero e restrizioni intellettuali, delle vere necessità nutritive del nostro corpo.

L’alimentazione intuitiva permette di sentire le vere necessità del corpo rispetto al nutrimento. Imparerai che il cibo di cui ti alimenti è connesso con gli stati di coscienza che generi e conoscere questo ti aiuterà a diventare più attento e consapevole al cibo che scegli, alla quantità che mangi, ai tempi che scegli per farlo, se stai mangiando perché hai veramente fame o solo perché è l’ora in cui di solito si mangia. Aiuterai il tuo corpo a non fare un superlavoro per risolvere i problemi, che tu hai generato ingerendo cibo sbagliato, nel momento e nel modo sbagliato. Imparerai a riconoscere i tuoi veri bisogni dai bisogni di compensazione generati dalla tua mente.

Liberare il dialogo autentico con sé stessi e con gli altri

Comunicazione creativa

La maggior parte dei problemi che incontriamo nelle relazioni derivano dal modo di comunicare con noi stessi e con gli altri, nei rapporti affettivi e interpersonali, nel mondo del lavoro o nel sociale.  Spesso sembra che gli altri non capiscano il senso di quello che diciamo o ne travisino il significato, senza però capire perché, a volte non troviamo una corrispondenza tra quello che viene detto e l’atteggiamento con cui viene detto o magari la nostra comunicazione è disturbata dalle emozioni e preferiamo tacere piuttosto che esporci nel comunicare con gli altri per paura di essere giudicati.
La comunicazione creativa aiuta a comunicare in modo più chiaro e preciso,  per sentirsi più capiti e in grado di farsi capire dagli altri, per riuscire a capire molto più di quello che dice il nostro interlocutore e sentirsi più sicuri e all’altezza di ogni situazione.

Riconoscere e trasformare le emozioni

Teatro Forum

Nel teatro greco la “persona” era la maschera indossata dagli attori, capace di raccontare meglio le cose, rendendo più facile dire agli altri il proprio racconto migliore. Il corso valorizza proprio questo aspetto, insegna a superare il disagio sia nei momenti di crisi che di successo, per imparare ad interagire con gli altri  diventando capaci di trovare soluzioni condivise e ad agire con gli altri, affrontando i conflitti come momento di crescita e la condivisione come momento di accrescimento.

Laboratorio delle Emozioni

Questo laboratorio ha la finalità di fare ordine dentro di se per liberarsi da emozioni disfunzionali, che tornano continuamente ed irrimediabilmente nella nostra vita, condizionando le nostre azioni, spesso senza che neanche ce ne rendiamo conto. Il lavoro riassume il panorama delle emozioni umane in sette scenari, mette in luce sette problemi da essi derivanti ed infine propone sette possibili soluzioni.
Imparerai a riconoscere subito cosa non ti fa sentire bene e perché e cosa puoi fare per evitarlo. Sarai più capace di gestire le tue emozioni e meno reattiva e questo ti farà sentire più aperta e ottimista.

Accedere al piano della consapevolezza

Mindfulness

La mindfulness e’ una pratica di focalizzazione dell’attenzione sul momento presente. Ha come obiettivo  la rottura degli automatismi che governano la nostra vita e che vede come risultato un miglioramento del nostro stato fisico, mentale e relazionale. Aiuta a sviluppare una maggiore autoconsapevolezza psicosomatica di Sé (corpo ed emozioni). Migliora il benessere psicofisico riducendo lo stress, l’ansia e la depressione, migliora il rendimento aumentando l’attenzione e la presenza.  Riduce l’aggressività e la tensione, aiuta a gestire le emozioni e a contenere la reattività e gli impulsi.  Migliora il clima e la cooperazione del gruppo.

Specializzazioni

Le specializzazioni completano la formazione. Mentre la parte della crescita personale è dedicata interamente alla conoscenza di sé, questa parte è invece riservata all’acquisizione di competenze professionali e tecniche per la gestione degli incontri con i futuri clienti.

Counseling – tecniche e metodologie

Il counseling è un forma di relazione di aiuto che aiuta la ricerca della soluzione ad un problema che crea disagio esistenziale e/o relazionale. Disagi esistenziali di origine psichica che non necessitano di una ristrutturazione profonda della personalità. La definizione e soluzione di problemi specifici. La difficoltà di prendere decisioni, affrontare i momenti di crisi, confrontarsi con i propri sentimenti e i propri conflitti interiori. Migliorare le relazioni con gli altri. Rappresenta un sostegno in un particolare momento di crisi, in una situazione problematica o dolorosa, nell’ affrontare i piccoli e grandi cambiamenti della vita, che a volte affievoliscono le risorse personali.
La formazione mette a disposizione strumenti da utilizzare per fronteggiare le difficoltà a partire da sé stessi e trasformerà una naturale predisposizione all’ascolto in  professione.

Analisi Energetica S.E.I.

L’Analisi Energetica S.E.I. (Sistema Energetico Integrato) è un’indagine conoscitiva sulla capacità di comunicazione tra la nostra Coscienza non locale e il Piano Fisico. Serve per individuare eventuali blocchi o disfunzionalità del sistema informativo interno, attraverso il suo sistema dedicato, ossia quello energetico. Fornisce un metodo di comunicazione alternativo che non coinvolge i processi emotivi e mentali, ma fa una fotografia reale delle informazioni che arrivano sia al corpo che alla mente. Aiuta a identificare molto più velocemente il problema.

L’Analisi Energetica S.E.I. verifica il livello di energia generale, mostra come il nostro sistema fisico (corpo emozioni e mente) reagisca alle informazioni che arrivano dalla nostra coscienza non locale. Aiuta ad allineare il nostro modo di funzionare alle sue frequenze, facendoci diventare più consapevoli. Ripristina il focus sui nostri veri obiettivi e indica dove sono i blocchi energetici che ci impediscono di realizzare il nostro vero scopo di vita.

Essenze Floreali

Le essenze floreali sono adatte praticamente per tutti i tipi di disagio e lavorano sul piano fisico, emotivo ed energetico. Per esempio: tendenza a ripetere sempre gli stessi schemi, tendenza all’isolamento, apatia, inadattabilità, difficoltà a rimanere stabili su una posizione, atteggiamenti rigorosi e fissi, autolesionismo, esaurimento, sovraccarico, etc
Attiva le forze di autoguarigione dolce, efficace, semplice ed economica, senza effetti collaterali e senza uso di bisturi, aghi o “chimica industriale”. Espleta l’effetto di un normale rimedio, riattiva persino il proprio potenziale, cioè stimola lo sviluppo della personalità nel miglior senso della parola, un beneficio, un aiuto per l’armonizzazione e lo sviluppo di corpo, anima e spirito.

Accompagnamento alla professione

Alla fine del percorso formativo, il novello professionista si pone alcune domande di ordine pratico, tipo: come definire la propria posizione fiscale, come organizzarsi per la tutela legale e assicurativa, come promuoversi etc.
Questo modulo serve proprio a completare la formazione fornendo una risposta a tutte queste domande per consentire al professionista di muoversi nel mondo del lavoro con tranquillità, sapendo quali sono i passi migliori da fare per definire la sua figura professionale da tutti i punti di vista.
Nel corso troveranno risposta i molti dubbi di chi affronta la libera professione: dall’ambito fiscale a quello più creativo che riguarda il progetto professionale.

Questa parte della formazione è suddivisa in 3 moduli:

  • Creatività ed Empatia nel Marketing
  • Auto imprenditorialità e sviluppo impresa
  • Attività di Marketing Applicate
Richiedi informazioni

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato su tutte le nostre attività